Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

martedì 20 maggio 2008

Brazil - Terry Gilliam (film fantastico)

Quando ho visto questo film (dietro suggerimento di una mia amica) non ho creduto ai miei occhi: come poteva un tale capolavoro filmico e concettuale essere (essermi) rimasto sconosciuto per così tanto tempo?

Com'è possibile che tanta spazzatura sia sotto gli occhi di tutti, pompata da marketing e mass media, mentre della vera arte non ci si accorga o passi sotto silenzio?

Vabbè, meglio tardi che mai...

Una cosa comunque l'ho imparata: anziché comprarsi il libro pubblicizzato qui e là dalla Mondadori o andare a vedere il film di cassetta che danno in 13 delle 15 sale del multisala vicino a casa, è molto meglio andare alla ricerca delle opere di quegli scrittori o di quei registi che ci sono piaciuti in passato.

Faccio un esempio: ho letto un libro meraviglioso di Orson Scott Card (Il gioco di Ender) e poi, pur essendo egli un autore da noi sconosciuto, ne ho letti altri sei, andandoli a cercare col lumicino... ed erano tutti molto belli.

Ancora: vedo un bel film di David Fincher (Seven) e poi vado a vedermi anche un altro paio dei suoi (Fight Club e The game), e guarda a caso sono bellissimi anche gli altri due.
Idem per David Lynch, Hayao Miyazaki, Michael Ende, etc.

Gli americani hanno un detto molto bello: "follow your bliss". Sarebbe a dire: segui la tua estasi, le tue passioni.
E' quello che faccio con libri e film.

Ma torniamo a Brazil.

In primis, il regista è Terry Gilliam, che ha diretto, tra gli altri, l'ormai storico Brian di Nazareth, nonché il più recente L'esercito delle dodici scimmie.

Originariamente Gilliam voleva chiamare il film 1984 & 1/2 , omaggiando così sia George Orwell (per 1984) che Federico Fellini (per 8 e 1/2).

Poi lo ha chiamato invece Brazil, prendendo spunto dalla canzone Aquarela do Brasil di tale Ary Barroso, che è praticamente l'intera colonna sonora del film e che funge da tragicomica contrapposizione tra il suo tono melodico e confortante e gli eventi claustrofobici e opprimenti della storia.

Ma non equivocate: nonostante esso dipinga una società futura in cui la burocrazia ha preso il sopravvento e la creatività umana praticamente è scomparsa (salvo piccole - ma neanche tanto - sacche di resistenza), il tono di Brazil non è pessimistico o cupo, ma anzi ironico e dissacrante, ben rappresentato del protagonista, Sam Lawry, uomo disincantato poco interessato al potere e alle poltrone e più propenso invece al sogno.

E il sogno ricorrente di Lawry, dall'ambientazione fantasy, sorta di effetto speculare della sua vita, sarà per l'appunto una componente importante del film: particolarmente emblematico, peraltro, nel frangente in cui egli si trova a lottare contro un samurai che poi si rivelerà avere la sua stessa faccia ("samurai" in inglese si legge come "Sam you're I", ossia "Sam, tu sei me").

Ad ogni modo, lo grottesche disavventure della storia prendono il via da un banale errore di una stampante, causato semplicemente da un insetto, che darà via a tutta una serie di fraintendimenti e problemi che in qualche modo coinvolgeranno proprio Sam.

Una curiosità: al casting prese parte anche una giovane Veronica Ciccone, che tuttavia fu scartata; naturalmente allora non era ancora la Madonna che conosciamo oggi.
Tra gli attori, invece, troviamo Robert De Niro e Bob Hoskins (Chi ha incastrato Roger Rabbit), nonché Michael Palinil mitico prefetto romano di Brian di Nazareth.

Tirando le somme, Brazil è un film straconsigliato: è un po' lungo, ma tra la società distopica, la visione ironica del consumismo, dell'apparenza e della burocrazia, e il principio analogico-speculare dei sogni del protagonista, oltre che per la mole di intrattenimento che offre, vale decisamente la pena.

Fosco Del Nero



Titolo: Brazil (Brazil).
Genere: fantastico, commedia, utopia.
Regista: Terry Gilliam .
Attori: Jonathan Pryce, Robert De Niro, Katherine Helmond, Ian Holm, Bob Hoskins, Michael Palin, Jim Broadbent, Kim Greist, Ian Richardson, Peter Vaughan.
Anno: 1985.
Voto: 8.5.
Dove lo trovi: qui.