Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

martedì 8 agosto 2017

La ragazza del dipinto - Amma Asante (film drammatico)

Sono arrivato a La ragazza del dipinto, come spesso mi capita, per vie traverse: questa volta, guardandomi la filmografia di una delle protagoniste del film Il luogo delle ombre: Gugu Mbatha-Raw, per la precisione, che nell’altro film era un personaggio secondario, mentre in questo è la protagonista centrale.

Ed ecco subito la trama sommaria de La ragazza del dipinto, film girato nel 2013 da tale Amma Asante, regista mai sentita, e basato su un personaggio storico e raffigurato in un dipinto: tale Dido Elizabeth Belle, raffigurata in un ritratto nel 1779 insieme a sua cugina Lady Elizabeth Murray… e così abbiamo anche l’ambientazione storica e in parte anche umana, giacché ci muoviamo tra la nobiltà inglese e le linee di sangue miste, come suggerisce il nome esotico della protagonista.

La piccola Dido Elizabeth Belle Lindsay è la figlia naturale del capitano Sir John Lindsay e di una donna di colore di identità sconosciuta, e già morta.
Il capitano chiede che venga allevata in seno alla famiglia, e col rango di sangue che le spetta, nonostante il suo colore mulatto, cosa evidentemente assai sconveniente nell’Inghilterra di fine 800, in cui peraltro esisteva ancora la schiavitù, argomento che ci collega allo zio di Dido,  William Murray, conte di Mansfield e primo giudice della Corte Suprema inglese, incaricato di effettuare un’importante pronuncia proprio legata a un caso di schiavitù.

Più avanti negli anni, con Dido ormai ragazza in età maritabile, come peraltro la cugina Elizabeth, essa conosce due giovani: il primo è il figlio del vicario di Hampstead, John Davinier, e il secondo è Oliver Ashford, un giovane nobile, i due in qualche modo entrambi attratti dalla ragazza.

Tutto ciò in mezzo a presentazioni, corteggiamenti, proposte di matrimonio, regole di etichetta… ma anche questioni sociali, scandali, sentenze giudiziarie, principi etici, e fatti realmente accaduti.

Insomma, La ragazza del dipinto è a metà via tra un film drammatico, un film sentimentale e un film storico, anche se la seconda componente è quella che prende il sopravvento.

L’ambientazione, come spesso capita in questi casi, è molto bella a vedersi, e lo stesso i costumi.
Anzi, gli scenari cittadini ma anche delle tenute di campagna sono davvero suggestivi.

Il film in sé, però, è un po’ troppo melodrammatico, strappalacrime e amor cortese per i miei gusti, e anche la contrapposizione buoni-cattivi, pur se in piccolo, è assai banale.
Tra l’altro, a chi è stato fatto fare il cattivo della situazione? A Tom Felton, ossia Draco Malfoy di Harry Potter… a proposito di cose scontate.

In effetti, nel film non c’è molto oltre quanto detto: bellezza estetica, buoni sentimenti e basta… vedete voi se vi basta.
Per conto mio, ne esce fuori un’insufficienza… che però potrebbe diventare sufficienza qualora siate appassionati di scenografie e costumi inglesi di fine Settecento.

Fosco Del Nero



Titolo: La ragazza del dipinto (Belle).
Genere: sentimentale, drammatico.
Regista: Amma Asante.
Attori: Gugu Mbatha Raw, Tom Wilkinson, Sam Reid, Sarah Gadon, Miranda Richardson, Penelope Wilton, Tom Felton, James Norton, Matthew Goode, Emily Watson.
Anno: 2013.
Voto: 5.
Dove lo trovi: qui.