Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

mercoledì 18 agosto 2010

Ogni cosa è illuminata - Liev Schreiber (film commedia)

Molto spesso raccomando, tanto per i film quanto per i libri ma in generale per le cose della vita, di puntare sempre al meglio.
Nel caso specifico dei film, dunque, di badare soprattutto al regista, primo indizio di qualità.
Con tutti i film che esistono, difatti, non ha senso perdere il proprio limitato tempo dietro a quelli scarsi…

Tuttavia, a volte “pesco dal mazzo”, dato che comunque nella vita è anche bello avere qualche sorpresa.

La sorpresa stavolta è stata fortunatamente positiva, e ha portato il nome di Ogni cosa è illuminata, film del 2005 diretto dallo sconosciuto (almeno per me) Liev Schreiber e con protagonista il conosciutissimo (anche troppo, tanto che gli attori che sono stati molto identificati con un certo personaggio poi scontano la cosa per tutta la loro carriera) Elijah Wood, per chi non lo sapesse nientemeno che Frodo de Il signore degli anelli (apparso anche nell'ottimo Sin City).

Ecco la trama di Ogni cosa è illuminata: Jonathan Safran Foer, che poi è l’autore del libro da cui è tratto il film, è un giovane ebreo americano con una spiccata tendenza al collezionismo.
Segnatamente, egli colleziona oggetti appartenuti a suoi parenti, specialmente morti, anche con l’intento di ricostruirne le vite passate nella vecchia Europa.

Tale passione porta Jonathan a recarsi di persona in Ucraina, terra d’origine della sua famiglia, e a conoscere Alexander e suo nonno, sue guide nel viaggio di riscoperta del luogo delle sue origini, portanti il nome di Trachimbrod, paese di cui peraltro sembrano essersi perse le tracce…

Nonostante gli argomenti dello sfondo siano seri, e anzi serissimi (le origini familiari, lo sterminio nazista degli ebrei dell’Est Europa), di fatto il film conserva per tutta la sua durata un tono da commedia, cosa evidente fin dal suo avvio grazie al riuscitissimo doppiaggio di Alexander, il ragazzo di Odessa il cui linguaggio presenta alcune bizzarrie di traduzione (decisamente “non è superiore”, per dirla col suo stesso gergo).

Anzi, a dire il vero la sua verbosità è una delle componenti meglio riuscite del film, assolutamente azzeccata.

Altra componente riuscita è il senso di viaggio di scoperta che permea tutta la vicenda, che è tale per tutti e tre i protagonisti della storia, Jonathan, Alexander e suo nonno, per motivi che qui non è il caso di elicitare.
Tra l’altro, il loro viaggio diventa il viaggio anche dello spettatore, piacevolmente coinvolto nel loro pellegrinare, nonché "illuminato" dal confronto tra il ragazzo americano e il ragazzo ebreo, tra rispettive domande e considerazioni.

In tale sede invece è il caso di sottolineare come per fare un film godibile, con dei contenuti e originale, non occorrano strepitosi effetti speciali o una produzione multimilionaria, ma spesso bastano alcune idee e una realizzazione curata.

Insomma, Ogni cosa è illuminata è un prodotto assolutamente apprezzabile.

Fosco Del Nero



Titolo: Ogni cosa è illuminata (Everything is illuminated).
Genere: commedia, surreale.
Regista: Liev Schreiber.
Attori: Elijah Wood, Eugene Hütz, Boris Leskin, Laryssa Lauret, Jonathan Safran Foer, Jana Hrabetova, Oleksandr Choroshko, Stephen Samudovsky, Ljubomir Dezera, Gil Kazimirov.
Anno: 2005.
Voto: 7.5.
Dove lo trovi: qui.